Loading...

Cerca nel blog

sabato 28 novembre 2015

"La Prossima Roma" si presenta ai romani

Nella giornata di oggi 28 novembre 2015 presso il centro congressi "Roma eventi" in via Alibert a Roma, si presenta l'Associazione "La Prossima Roma". Una iniziativa sociale, come ha voluto sottolineare Francesco Rutelli, che ha aperto la convention di presentazione. Tanti volti della Roma rutelliana, Morassut, Lobefaro, Costantini ma anche volti noti alla politica attuale come Stefano Fassina. Uno degli obbiettivi della neo associazione è la riqualificazione della città di Roma, attraverso coloro i quali abitano e vivono realmente la città eterna. Mettersi al servizio della città, concorrere a definire una nuova progettualità, sono questi alcuni dei punti di "La Prossima Roma".

giovedì 8 ottobre 2015

"Cabaret" il musical in scena presso il teatro Brancaccio di Roma con Giampiero Ingrassia

Anche la città di Roma ha avuto l'onore di ospitare il musical "Cabaret" portato in scena da Giampiero Ingrassia, che gioca a trasformarsi nell’ambiguo e stravagante Maestro di Cerimonie. «Ho reso il Maestro più cattivo, decadente, morboso, ambiguo, malvagio. E ne ho privilegiato l'aspetto più etero, vestito con un frac zingaresco, un'eleganza che dà nell'occhio, con un trucco quasi da Joker» afferma lo stesso attore. Saverio Marconi, regista del musical, ama creare un teatro nel teatro, riuscendo in maniera egregia nel suo intento. Prodotto dalla Compagnia della Rancia. La grandezza del musical è infine data anche dalle canzoni "Mein Herr", "Money Money", "Maybe This Time" e "Life is a cabaret", interpretati in questa edizione dalla strepitosa voce di Giulia Ottonello nei panni di Sally Bowles. "Cabaret" il musical in scena al teatro Brancaccio di Roma fino al 18 ottobre 2015.

venerdì 2 ottobre 2015

Billy Elliot Il musical approda al teatro Il Sistina di Roma

Ieri sera giovedì 1 ottobre è stata la prima del musical Billy Elliot con le musiche di Elton John, presso il teatro Sistina di Roma, che ha inaugurato la stagione teatrale con un vero e proprio kolossal musical con oltre 20.000 spettatori nel mondo. Il successo era stato ottenuto grazie al film Billy Elliot diversi anni addietro, anche in quella occasione era stato per diverse settimane al primo posto nei botteghini di quasi tutta europa. Il giovane Billy ama la danza, ma il suo amore verso questa forma d'arte considera un tempo particolare e sessista in un periodo socio-culturale ed in un paese come l'Inghilterra di marca Thatcher, non ha reso facile al giovane ballerino un inizio all'altezza delle sue speranze ed aspettative. Era un periodo anche di rivolta e cambiamento economico con un inizio di crisi che vedeva coinvolta una miniera dove lavoravano il padre ed il fratello del giovane Billy,i quali vedevano un futuro come pugile di Billy, portando quest'ultimo ripetutamente e forzatamente in palestra. Billy Elliot troverà la sua strada maestra andando contro quasi l'intera famiglia. In Italia è stato presentato in teatro con la regia di Massimo Romeo Piparo, il quale ha voluto giovani promesse del mondo del teatro, tutti all'altezza del primo musical che li attendeva. Il musical Billy Elliot sarà in scena al teatro Il Sistina di Roma fino al 18 ottobre 2015.

lunedì 21 settembre 2015

La musica oltre i confini della guerra

E’ vero che la musica riesce ad oltrepassare i confini che tutte le guerre stanno costruendo. Non esiste alcun confine alla sonorità della musica ed ai versi poetici della canzone, sia essa italiana o straniera ben riesce ad affrontare ed a rispondere ad armi pari ai tanti proiettili che anche adesso stanno fuoriuscendo dalle armi in tante parti del mondo, dall’Iraq all’Afghanistan. Ho avuto modo, in questi ultimi giorni di visionare alcuni disegni fatti da bambini di 4 o 5 anni, in occasione di una manifestazione che li vedeva protagonisti, ed ho notato alcuni di questi disegni con la scritta pace e con dei paesaggi, vicini a quelli iracheni, dove non c’erano corpi a terra o distruzioni, ma soltanto arcobaleni e da alcune armi fuoriuscivano dei fiori . E’ impensabile che un bimbo di quell’età possa seguire i vari telegiornali o sapere ciò che accade, ma trovo significativo la risposta alla presenza di armi con dei fiori. In questi giorni si sta parlando molto del commercio delle armi in America e della sua cultura, quasi sempre a favore della guerra e pronta ad un nuovo cambiamento politico. Niente di più sbagliato è definire l’America e gli americani un popolo di combattenti, vorrei ricordare anche il periodo più spaventoso dell’America, ovvero il Vietnam, guerra incomprensibile da ogni punto di vista e banco di rivolta per i tanti artisti americani, John Baetz in testa, che hanno voluto scrivere e cantare la propria rabbia contro uno dei mali più grandi della terra, la GUERRA. La storia ed il passato ritornano nel presente, con la guerra in Iraq ed Afghanistan. La morte, l’abbandono dei tanti nostri connazionali nei vari campi di battaglia, che senso ha ? La musica, che arriva anche nelle vari postazioni di combattimento, forse potrà essere un giorno veicolo di pace e di unione ed il volto di un soldato, potrà essere il simbolo della fine di ogni combattimento . Gianluca Morabito

domenica 12 luglio 2015

Marco Capretti invita a "fare i buoni" in programma all'Ombra del Colosseo

"Fate i buoni" è il titolo del nuovo spettacolo di Marco Capretti in programma nella rassegna all'Ombra del Colosseo a Roma. Il comico romano, pone un accento tutto divertente sulla ormai frase celebre "fate i buoni", ripercorrendo tutta la vita, da quando si era bambini con le raccomandazioni dei genitori, alla scuola quando la prof di matematica ci esortava a fare i buoni, per poi passare alla vita quotidiana non dribblando, ma anzi ponendo l'accento sulla politica nazionale e romana ed uno dei suoi cavalli di battaglia diventerà il Sindaco di Roma Ignazio Marino, al quale dedicherà il prossimo spettacolo "ti presento roma mia" a metà agosto sempre all'interno della rassegna all'Ombra del Colosseo. Spettacolo divertente.

venerdì 19 giugno 2015

Sculture di luce in mostra presso la galleria monogramma di Roma

Si inaugurerà martedì 23 giugno 2015 la mostra dal titolo "Sculture di luce" di Harco Loor, un designer olandese, conosciuto in tutto il mondo per la sua arte luminosa. Vere e proprie sculture di luce, in mostra fino al 7 luglio 2015 presso la galleria monogramma in via margutta 102 a Roma. Harco Loor Design nasce agli inizi degli anni ottanta per l’interesse in crescita e per l'importanza del design nel lighting di interni. Ogni luce di design è fatta a mano ed è firmata personalmente da Harco Loor, le luci sono create e costruite nella fabbrica di Harlem, Paesi Bassi. Solo materiali di pregio vengono utilizzati, come acciaio inossidabile e cristallo. Le soluzioni innovative di risparmio energetico sono inserite nelle lampade.

sabato 13 giugno 2015

XVIII edizione ModArt - premio margutta

Si è svolta venerdi 12 giugno nella splendida cornice di via margutta a Roma la XVIII edizione dell'evento ModArt e la consegna del premio margutta, scultura realizzata dall'artista Angela Pellicanò. Anche per questa edizione, la serata è stata condotta da un giovane volto, Giovanna Lombardi, l'organizzazione dell'evento insiste nel voler sperimentare volti nuovi alla conduzione. Anche la musica con l'artista Januaria, ha accompagnato la serata che ha visto sulla passerella le modelle con indosso i vestiti del marchio NEROLUCE impreziositi dai gioielli di Gianni Bulgari per GB ENIGMA. Il contributo tecnico fondamentale di Marcello Montalbano della Compagnia della Bellezza e Tina Chiera make-up. La serata organizzata da monogramma arte contemporanea, è stata resa possibile grazie al contributo del nuovo brand chronomargutta e di GB ENIGMA. L'arte è stata protagonista con la performance dell'artista Giuseppe Amorese, reduce da una esposizione a Singapore, dal titolo “Off Stage" lo spettacolo è fuori scena, performance che ha visto 4 ballerine “danzare” al ritmo della musica composta dallo stesso artista. I premiati : sezione Arte Michelangelo Pistoletto, sezione Cinema Cristina Comencini, sezione Giornalismo televisivo Maurizio Costanzo, sezione Imprenditoria Laura Bosetti Tonatto, Sezione Teatro Leo Gullotta, sezione Giornalismo Ernesto Assante, sezione moda NEROLUCE.

giovedì 29 gennaio 2015

# monogramma in mostra a Londra

La galleria londinese Fiumano Fine Art gallery ospita per la seconda volta alcuni artisti della galleria monogramma di via margutta a Roma. Artisti emergenti,espressioni di nuove tecniche e tendenze, da presentare in una delle più stimolanti capitale europee. Nuovamente la galleria monogramma va oltre i confini nazionali, dopo New York è la volta di Londra, dove vuole presentare i seguenti artisti:Eugenia Albini, Giuseppe Amorese,Venere Chillemi,Marco Ginoretti e Marco Zautzik. La mostra in programma fino al 7 febbraio 2015, sarà anche supportata da un catalogo.

sabato 3 gennaio 2015

XII ^ edizione del premio OpenArt 2015 - Teatro dei Dioscuri al Quirinale - Roma

Sono passati 12 anni e il premio OpenArt continua a presentare artisti al grande pubblico. Dopo tanti anni di esposizione presso le Sale del Bramante, il premio OpenArt si sposta al Teatro dei Dioscuri al Quirinale in via Piacenza 1 a Roma, posto prestigioso ed istituzionale, per voler,ancora una volta,evidenziare le varie espressioni artistiche dei tanti giovani artisti. Le sezioni sono : pittura,scultura e fotografia, gli artisti presenti sono 50 e provengono da tutto il mondo, da Israele alla Francia, Inghilterra e Spagna, solo per citarne alcune. “ Il Premio Open Art 2015 è una importante testimonianza della grande produzione culturale che esiste nella nostra città. L’iniziativa, giunta alla XII edizione, è un segnale di quanto sia attiva la volontà degli operatori culturali, di diffondere il lavoro e la creatività degli artisti italiani e stranieri. Questo premio, dedicato alle arti figurative, è, da anni, una occasione di incontro e di scambio tra diverse realtà, che arricchisce il panorama culturale del nostro paese e di Roma in particolare.” Michela Di Biase (Presidente Commissione Cultura del Campidoglio) “… L’arte e la creatività sono la nuova “fibra-ottica”, il giacimento aureo, la ricchezza del futuro, capace di facilitare e,re-innescare l’armonia della vita, per rinascere insieme ai sentimenti del bello e della gioia, alla felicità del creare e del venire al mondo con infinita dolcezza. Per le giovani generazioni,il sostegno allo sviluppo personale è di fondamentale importanza è, se vogliamo azzardare un paragone, “l’atrio infiorato” posto alle porte dell’accesso alla società civile. La creatività concorre in maniera determinante al benessere sociale, individuale ed alla prosperità economica di ogni popolo. …”. Rosario Sprovieri (Responsabile del Teatro dei Dioscuri al Quirinale) Il catalogo,presente in mostra, avrà gli scritti di : Michela Di Biase (Presidente della Commissione Cultura del Campidoglio e di Rosario Sprovieri (Responsabile del Teatro dei Dioscuri al Quirinale). Il premio verrà inaugurato il 13 gennaio 2015 alle ore 17,30 e la premiazione il 16 gennaio 2015 ore 17,30 in collaborazione con www.marguttarte.com